Torna alla Home
Ti trovi in: Home  »  Salerno e il Medioevo
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Salerno e il Medioevo

La collettiva di fotografia 'Salerno e il Medioevo' realizzata dall'Associazione culturale 'Colori Mediterranei' propone uno sguardo inedito e creativo sui siti di maggiore interesse culturale e artistico presenti a Salerno.


Uno snodo di immagini tra monumenti noti e meno noti, particolari affascinanti che denotano la sensibilità e l'amore per una città che fu opulenta.

Le opere esposte offrono una lettura cronologica della storia cittadina, partendo dall'elemento di spoglio rinvenuto lungo la via dei mercanti, testimonianza delle antiche origini di Salerno, proseguendo con gli anni di massimo splendore raggiunto grazie al Princeps gentis Langobardorum Arechi II, che si avvalse delle migliori maestranze per la realizzazione del suo palazzo cittadino.


La nobiltà longobarda ha regalato alla città diversi edifici ecclesiastici fra cui non si può non menzionare l'antica Madonna della Lama ed il suo ciclo pittorico risalente a diverse fasi cronologiche.

La fonte di maggiore ispirazione per gli artisti è stata sicuramente la Cattedrale, voluta dal Duca normanno Roberto il Guiscardo e dall'Arcivescovo Alfano I, dopo il rinvenimento delle spoglie dell'apostolo ed evangelista Matteo. I rosoni lapidei del quadriportico fanno eco ai girari di acanto degli stipiti del portale di ingresso; scenografica cornice della porta di bronzo fusa a Costantinopoli. All'interno, la magnifica lucentezza del riverbero dell'oro dei mosaici degli amboni e del cero pasquale testimoniano il pregio decorativo della Chiesa salernitana.

La grandiosità normanna si palesa ancora nelle architetture di palazzo Fruscione e del cosiddetto castel Terracena, presunta residenza del Guiscardo e della principessa Sichelgaita, ove nei secoli successivi fu tenuta prigioniera l'imperatrice Costanza d'Altavilla. La policromia lapidea si rinviene anche nel colonnato della Curia arcivescovile.


A guardia della piana sottostante e della sua città, il castello, maestoso ed imponente, testimonianza di vari secoli di storia è ritratto nella sua veste Angioina; merlature inglobate nella cinta muraria e scorci del cosiddetto fossato aragonese, ulteriore ostacolo difensivo dell'inespugnabile fortezza.

Francesca Angellotti, Valentina Oliva

Da Giovedì 25 a Domenica 28 Aprile
presso il Tempio di Pomona (Centro Storico)
SALERNO


L'Associazione Fotografica Colori Mediterranei
presenta una mostra fotografica dal titolo

SALERNO E IL MEDIOEVO
In esposizione 40 immagini della Salerno Medievale, estratte da progetti fotografici dell'associazione Colori Mediterranei.

ESPORRANNO I SOCI

Enzo Figliolia, Corinna Fumo, Claudio Carbone, Edoardo Colace, Loredana Mollo,
Marco Caliulo,' Mariangela Lettieri, Simona Lodato, Rosaria Portanova, Antonio Rinaldi,
Francesco Cuoco, Bruno Bernabò,
Domenico Sica, Francesca Siano, Alessandro Della Rocca

Chiedi informazioni Stampa la pagina